italia

La Chiesetta – probabilmente in origine un’edicola votiva – dovrebbe risalire a epoca tardo gotica, stando ad alcuni reperti rinvenuti nel corso di recenti restauri.

L’edicola è stata successivamente racchiusa entro un piccolo ambiente, con soffitto a due voltine, che prende luce da due monofore.

Il pavimento risale al 19° secolo e la statua del Santo, in gesso policromo, è frutto di una donazione del 13 luglio 1947.

L’edificio è raggiungibile solo a piedi (250 m. circa di sentiero) e per mezzo di una ripida scalinata scavata nel terreno (33 gradini).

La Chiesetta non risulta essere mai stata consacrata ad alcuna divinità ed è di proprietà privata.

 

CHIUNQUE POTRA’ CELEBRARE O RINNOVARE LA SUA UNIONE

 SENZA DISTINZIONE DI SESSO, DI RAZZA, DI LINGUA, DI RELIGIONE,

DI OPINIONI POLITICHE, DI CONDIZIONI PERSONALI E SOCIALI

così come previsto dall’articolo 3, comma 1, della Costituzione della Repubblica Italiana.

 

Chi desidera celebrare o rinnovare la sua unione, deve procurare:

n. 1 officiante del rito e quanto necessita alla sua esecuzione,

n. 2 testimoni (max),

n. 3.400,00 euro di tariffa per l’utilizzo della Chiesetta e per i servizi connessi.

L’officiante ha a sua disposizione un altare avente una superficie utile di 0,36 mq. e uno spazio calpestabile di circa 1,37 mq. e di altezza pari a 268 cm.

I celebranti e i testimoni hanno a loro disposizione uno spazio calpestabile di circa 2,88 mq. (comprensivo di inginocchiatoio e panca) e di altezza pari a 227 cm.

Gli eventuali invitati hanno a loro disposizione il sagrato che si estende per circa 5,75 mq. e il bosco circostante.

 

LA CHIESETTA È DISPONIBILE NEI MESI DI MAGGIO E SETTEMBRE

chiesetta@santevasio.com

 


Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.